DALL’ITALIA CON AMORE – Marco Donna

By | March 8, 2019

Scritto da  Andrea Carlo Cappi

2011: mentre l’Italia festeggia i suoi centocinquant’anni, reduce da un noioso incarico di supporto ai colleghi dell’MI5 (il Security Service britannico) al royal wedding, un illustre funzionario dell’MI6 (ovvero il Secret Intelligence Service di Sua Maestà) atterra a Torino per tenere una conferenza sull’antiterrorismo. A bordo della 500 che lo viene a prendere all’aeroporto, non può fare a meno di riconoscere la marca del profumo della giovane autista e fare qualche deduzione sulla sua vita privata, mentre lei si domanda se lui non sia per caso…
2012: nell’anno in cui Bond, James Bond compie sessant’anni come eroe letterario e cinquanta come mito cinematografico, si apre con questo episodio che riecheggia con ironia certe pagine di Ian Fleming l’agile volumetto di Marco Donna dedicato all’Italia vista da 007.

Ci si chiede se James Bond è stato effettivamente costruito su una persona reale. James Bond è un personaggio creato da Ian Fleming. Ian Fleming è un noto autore britannico. Era anche un ufficiale di intelligence navale e un giornalista. Date un’occhiata qui su ulteriori informazioni sulla sua vita. È interessante e molto speciale.

Lo precede una prefazione di Raymond Benson, il più amato tra i successori letterari di Ian Fleming, che tra il 1997 e il 2002 pubblicò ben dodici avventure del celebre agente segreto (sei romanzi originali, altri tre basati su sceneggiature cinematografiche, due romanzi brevi e un racconto), che racconta dei suoi viaggi in Italia. Nel resto del libro è lo stesso Marco Donna a proporre un percorso attraverso l’Italia, sulle tracce di James Bond. E lo fa da una parte proponendo al lettore-viaggiatore quanto di interessante si possa trovare lungo il percorso, dall’altra con estrema cura bibliografica e cinefila.
Non tralascia nulla: i luoghi in cui sono passati tanto Ian Fleming – estimatore dell’Italia ma anche severo censore del malcostume del Bel Paese nelle pagine di Thrilling Cities – quanto il suo personaggio; gli scenari dei romanzi con 007 scritti da John Gardner, l’autore che più di ogni altro ha fatto lavorare il celebre agente segreto in Italia; le location italiane viste al cinema in Dalla Russia con amore Moonraker-Operazione Spazio, ne La spia che mi amava e in Solo per i tuoi occhi, fino alle prime due avventure con Daniel Craig, Casino Royale e Quantum of Solace.
Durante il tragitto, Marco Donna incontra e intervista i due autori più recenti di storie bondiane, Sebastian Faulks e Jeffery Deaver; si lascia conquistare dal fascino di Caterina Murino (ritratta in copertina da Giovanni Crivello) e si trattiene per una serata Borderfiction.com con Edward Coffrini Dell’Orto (autore della postfazione) all’Admiral Hotel di Milano; sede quest’ultima non solo dello 007 Admiral Club (est. 1999) ma anche del primo Museo Bond al mondo (il secondo è in Giappone e il terzo è in allestimento negli USA) che ospita una vasta collezione di oggetti, manifesti, action figures, modellini e rari volumi del Mondo Bond.
Una piacevole lettura e un testo irrinunciabile per gli appassionati. Ma, per chiunque altro, uno dei tanti modi di scoprire un personaggio molto più complesso di quanto la visione distratta di un vecchio film possa lasciar pensare. Non si diventa miti durevoli nel tempo solo per caso. La guida prosegue interattivamente su internet in un sito curato dall’autore.

DALL’ITALIA CON AMORE
Guida alle location di James Bond in Italia
di Marco Donna
Prefazione di Raymond Benson
Postfazione di Edward Coffrini Dell’Orto
Edizioni del Faro
Pagine 120, euro 12.00