I MISTERI DELLE SUNDERBUNDS

Scritto da  Stefano Di Marino

T401Un particolare salta subito all’occhio. I Misteri della Jungla Nera è un romanzo diviso in due parti. Nella prima (a mio parere la più riuscita) I misteri delle Sunderbunds’ assistiamo a una vicenda quasi tutta in esterni, di grandissima atmosfera, mistero con una presentazione di personaggi e caratteri che, al di fuori di Tremal Naik non troveremo che nominati nella seconda parte (La rivincita di Tremal Naik).
Persino il fido Kammamuri, che ritornerà in altri episodi del ciclo indo-malese ad affrontare situazioni critiche, nella seconda parte «ormai è diventato un thug», vittima di Suyodhana, in attesa di essere salvato. Ada stessa, che è motore di tutta la vicenda, diventa nel secondo tratto del romanzo una figura di cui si parla e non si vede se non nel finale.

T402L’incipit è favoloso. Un ritratto non troppo prolisso (come purtroppo a volte è avvenuto nei romanzi dell’autore veronese) incisivo, preciso. Fonti e ispirazione collaborano a creare un brano di narrativa avventurosa da tenere a esempio. Arriviamo alla descrizione di Tremal Naik che, al contrario di quanto divulgato in numerose pubblicazioni e film) è definito cacciatore di serpenti e non di tigri. Un eroe nobile sin dall’aspetto, non un selvaggio (benché un’edizione di I pirati della Malesia in cui lo ritroviamo fosse appunto Gli amori di un selvaggio) che quasi anticipa certi più famosi eroi dell’avventura internazionale tenendosi accanto una pantera e una tigre addomesticate. Ma anche compagni fedeli destinati a fare una brutta fine, Hurty e Aghur.
Qualcosa turba Tremal Naik, qualcosa che ha a che fare con misteriosi movimenti, suoni raggelanti che si annidano nelle nebbie del pantano. Sembra quasi di sentirlo il ramsinga che echeggia in una giungla irta di pericoli. Ma c’è, anche per un solitario come può essere un cacciatore di serpenti, una molla che lo spinge a essere ardito e incosciente. La passione. Una passione curiosa, teatrale, lirica direi, ribadendo il concetto che non essendoci cinema e tv Salgari traeva la sua ispirazione visionaria dall’Opera.
021Cosa riscontrabile anche nelle immagini di Della Valle, ispirate a foto o bozzetti realizzati in casa Salgari, in cui l’autore riproduceva momenti culminanti di persona o con l’aiuto di parenti e amici su scale, sedie, poltrone invece che su elefanti e montagne o casseri di navi. Bastoni e drappi fungevano da scimitarre e fucili, turbanti e mantelli. Chissà quale universo fantasioso si celava nella mente dell’autore. Sogni... l’oppio degli scrittori.
Di certo il racconto dei primi silenziosi incontri tra Ada e Tremal Naik ha qualcosa di magico. Di ammaliante, profondamente visionario. Irreale sotto il profilo psicologico, ma estremamente convincente per il lettore in cerca di emozioni. Del resto quale passione nasce dalla razionalità? E la giovinetta che appare e scompare nella notte, quasi un fantasma, non può non smuovere il cuore del temerario guerriero che ne rimane schiavo, secondo un manierismo forse oggi esagerato, da palcoscenico, ma che se ci si immerge nell’atmosfera del tempo, lasciandosi cullare dalle emozioni, appare perfettamente condivisibile.
T403Dopotutto è la passione senza riserve di Tremal Naik che lo spinge a sfidare da solo orde di strangolatori, tradire, uccidere i nemici dei suoi nemici pur di poter salvare l’amata a reggere tutta la vicenda. Salgari stringe, in questa fase, un patto con il lettore. Se si è disposti a assecondare la folle passione del cacciatore di serpenti si condivideranno con lui emozioni, pericoli... altrimenti è meglio abbandonare la lettura. Come un sipario, la vegetazione fittissima, densa di suoni e odori delle Sunderbunds si chiude. Chi vi è penetrato non si pone più alcuna domanda né sullo stile narrativo né sui moventi dei personaggi. Si è lì e basta. In uno scenario senza tempo che è l’avventura stessa. E il tragico finale della prima parte, gli amici massacrati e il trionfo di Suyodhana sono solo preludio a nuovi intrighi. La vergine della pagoda d’oriente resta, salvo una breve apparizione, una chimera. La donna amata, venerata, per cui si è disposti a tutto spinti dal suo mistero, dalla tristezza della sua condizione. L’amore romantico fatto persona.

Continua con La rivincita di Tremal Naik
L'illustrazione di apertura è di Carlo Jacono
L'illustrazione in bianco e nero è di A. Della Valle
Fotografia: copyright Stefano Di Marino


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica con cadenza periodica e non è da considerarsi
un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici, per saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca sul link Maggiori info. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll, chiudendo questo banner o cliccando sul pulsante "Accetta", invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information