NEL SEGNO DI KALI'

Scritto da  Stefano Di Marino

kali01Prima ancora di commentare I misteri della Jungla nera, proseguendo l’omaggio a Emilio Salgari nella celebrazione dei cento anni dalla morte dopo l'iniziale "tributo all'avventura", credo sia interessante parlare degli spunti del romanzo.
Di certo l’atmosfera fosca delle Sunderbunds del Bengala, il tempio nascosto degli strangolatori, la vergine della pagoda e persino il suono del ramsinga creano, al di là delle vicissitudini di Tremal Naik, uno scenario perfetto per i sogni del lettore.
La setta dei Thugs e la lotta condotta dalla Compagnia delle Indie orientali contro gli adoratori di Kali erano, per Salgari, avvenimenti lontani nello spazio ma non tanto nel tempo.

Ufficialmente la campagna contro i Thugs risale a pochi anni prima dell’instaurazione del Raj (il dominio britannico in India seguito alla rivolta dei Sepoys nel 1857), ma echi delle malefatte della setta rimasero vivi per tutto il secolo. In molti romanzi d’avventura e di mistero ambientati in India nel Diciannovesimo secolo si fa riferimento ai Thugs.
Non c’è da stupirsene, visto che la setta era antica di secoli e, incredibile ma vero, esiste tutt’oggi. A Calcutta esiste un tempio dedicato alla dea Kali. Ovviamente nessuno uccide più... ufficialmente in suo nome ma, come ha raccontato abilmente Dan Simmons nel suo romanzo Il canto di Kali, alcune leggende sono dure a morire.

kali02

















Il folklore indiano parla di una lotta avvenuta in tempi immemorabili tra un demone e la dea nera che, in questo caso, viene descritta come positiva e protettrice degli uomini. Una lotta di proporzioni epiche dalla quale Kali non riusciva a emergere vincitrice. Armata di pugnale, inferiva colpi terribili al demone, ma il sangue maledetto ne creava sempre nuovi minions. Kali generò allora due guerrieri e insegnò loro l’uso del rhumal, il laccio strangolatore.
Sulla foggia di questo, l’iconografia si è sbizzarrita. Seguendo le indicazioni di Salgari alcuni disegnatori ne hanno realizzato una versione simile alle bolas sudamericane: un lungo laccio con una palla d’acciaio all’estremità che, lanciata, stordiva la vittima prima che questa venisse strangolata. La descrizione è congrua con alcune armi del Varma Kalai, una delle forme più antiche di arti marziali armate dell’India, ma è probabile che esistessero vari tipi di rhumal. Il modello più comune era composto da un panno di tessuto resistente, al cui centro veniva arrotolata una pietra o una moneta. Si trattava di un’arma da usare a distanza ravvicinata. Pietra o moneta, la sezione "rigida" del rhumal veniva premuta contro il pomo d’Adamo della vittima. La morte avveniva, più che per soffocamento, per rottura del collo.

011Il culto degli Strangolatori asserviti alla dea sanguinaria Kali sembra essere stato diffuso in varie forme in tutto il subcontinente indiano per secoli. Esisteva un culto birmano degli strangolatori i cui adepti facevano parte anche del famigerato Si-fan di Fu Manchu nei romanzi di Sax Rohmer. Nelle cronache inglesi si parla anche di altri gruppi di strangolatori, i Phansigars, ma in tutta la società dei dacoit (i malviventi indù) i gruppi specializzati nello strangolamento sono innumerevoli ed è probabile che molte leggende si siano mescolate, dando forma alle notizie che, pur frammentarie, arrivarono sino a Salgari.
Di fatto la setta principale era attiva soprattutto nel Bengala, per cui è coerente che avessero un rifugio segreto nelle Sunderbouns. Era vero anche che gli inglesi si accorsero dell’esistenza dei Thugs e delle loro malefatte soprattutto nella regione occidentale dell’India, in seguito a proteste di pellegrini musulmani. La stagione dell’Hadji, il pellegrinaggio alla Mecca, era infatti quella prediletta per i riti cruenti della setta. Intere carovane di pellegrini scomparivano dalla faccia della terra con tutti i loro averi. I corpi venivano smembrati e sepolti.
Il territorio aspro, le grandi distanze e la mancanza di informazioni rendevano più difficili le indagini e più semplice per gli adepti della setta svanire dopo aver commesso il delitto. Questo era pianificato per mesi e portato a termine da un gruppo numeroso di assassini, organizzati secondo una rigida gerarchia a capo della quale stava il Jemadar. Ma questa sarà la prossima storia...

Continua con Il richiamo dei Thugs
L'illustrazione di apertura è di Carlo Jacono
L'illustrazione in bianco e nero è di A. Della Valle
kali00


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica con cadenza periodica e non è da considerarsi
un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici, per saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca sul link Maggiori info. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll, chiudendo questo banner o cliccando sul pulsante "Accetta", invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information