AVENGERS-AGE OF ULTRON

Scritto da 

posterI Marvel Studios e in particolare Joss Whedon vincono la sfida con il pubblico: mantenere un alto livello di divertimento e spettacolarità senza sfigurare con quanto essi stessi hanno raggiunto fino a oggi. E, nel frattempo, affrontando il problema non trascurabile di gestire in modo equilibrato un grande numero di personaggi tra buoni, cattivi e vie di mezzo, senza togliere spazio a nessuno. L’unica difficoltà insormontabile, ormai, è quella della continuity: dopo una decina di film di questo ciclo, uno spettatore completamente digiuno tanto dei fumetti originali quanto della serie cinematografica, potrebbe chiedersi qua e là di che cosa diavolo si stia parlando.

741321 867328353325172 4808702934844764937 oFacciamo un passo indietro. Nel 2012 Avengers ha riunito i protagonisti di film individuali del ciclo – Hulk, Iron Man, Capitan America, Thor – e i personaggi secondari apparsi al loro fianco: Nick Fury, gli agenti dello SHIELD Phil Coulson e Maria Hill, Vedova Nera e Occhiodifalco. Dopodiché i Marvel Studios sono passati alla cosiddetta Fase Due: un terzo film di Iron Man, un secondo film per Thor e per Capitan America, il primo per i Guardiani della Galassia, le serie televisive Agents of SHIELD e Daredevil e naturalmente la seconda pellicola dedicata all’intero gruppo. Tolta la serie Daredevil, che fa dichiaratamente parte dello stesso universo, tutte le altre vicende sono interconnesse. Con notevole abilità, gli episodi di Agents of SHIELD sono stati sincronizzati con i film in uscita, in particolare l’attacco di Malekith a Greenwich in Thor – The Dark World e la presa di potere dell’Hydra all’interno dello SHIELD in Captain America – The Winter Soldier. A seguito di ciò, lo SHIELD, il servizio segreto mondiale, ha cessato di esistere: Nick Fury è disoccupato, Maria Hill è stata assunta dalla Industrie Stark e la squadra di Coulson agisce in proprio.

black widowMa soprattutto lo scettro che Loki ha ricevuto dai Chitauri – i suoi alleati alieni che hanno cercato di invadere New York in Avengers – è passato dalle mani dello SHIELD a quelle dell’Hydra. Nella fattispecie in quelle di Wolfgang von Strucker (nei fumetti, nemico storico di Nick Fury), che se n’è servito per produrre nuove tecnologie basate su quelle dei Chitauri. E non solo: come già si è visto nella sequenza dei credit di The Winter Soldier, ne ha approfittato per "potenziare" esseri umani da usare come armi, andando ben oltre gli instabili risultati del Progetto Extremis visti in Iron Man 3 ed Agents of SHIELD.
Il film comincia con una lunga scena d’azione – James Bond docet – in cui gli Avengers danno l’assalto al laboratorio segreto di Strucker nell’immaginaria Sokovia (Europa orientale), che altro non è che il Forte di Bard in Val d’Aosta. Obiettivo: recuperare lo scettro di Loki. Ma gli eroi si imbattono nei gemelli Pietro e Wanda Maximoff, le cavie umane di Strucker intraviste alla fine di The Winter Soldier. I poteri di Wanda includono anche il risveglio delle paure nascoste nella mente degli avversari; sicché, quando entra nel laboratorio, Tony Stark-Iron Man, vede in stato allucinatorio i suoi compagni morti nel vano tentativo di fermare la prossima invasione dei Chitauri.

ultron 1È probabilmente questo a spingerlo, con la collaborazione del dottor Bruce Banner e all’insaputa di Thor, a un pericoloso atto di hybris: esaminare lo scettro di Loki per ricavarne informazioni tecnologiche prima che il Dio del Tuono lo porti ad Asgard. Stark estrapola dallo scettro una sofisticata intelligenza artificiale, che pensa di applicare al suo Progetto Ultron, un sistema difensivo globale, e la mette a confronto con Jarvis, il software hi-tech che gestisce tutte le attrezzature di Iron Man.
Purtroppo, appena prende coscienza di sé, Ultron interpreta l’idea di pace nel mondo come estinzione dell’umanità... a partire dagli Avengers. Sfruttando gli impianti dello Stark Building di New York, costruisce un corpo robotico e si appropria dello scettro di Loki, pronto a mettere in atto il suo piano. A questo scopo arruola i gemelli Maximoff, i quali, una volta scoperte le sue vere intenzioni, non avranno altra scelta che unirsi agli Avengers per salvare il pianeta. Giusto in tempo per tornare dalla Corea del Sud alla natia Sokovia (di nuovo Val d’Aosta) in cui ha luogo lo scontro finale, da gustare in tutte le sue grandiose dimensioni spettacolari, facendo debito appello alla sospensione dell’incredulità.

scarlet witchE intanto lo spettatore si gode la grandiosa scazzottata tra Iron Man e un Hulk impazzito per le strade del Wakanda (l’immaginario paese africano di T’Challa-Black Panther, che però non fa ancora la sua apparizione, in attesa del film a lui dedicato); la rivelazione della segreta vita "normale" di Clint Burton-Hawkeye; le partecipazioni di Sam Wilson-Falcon (apparso in The Winter Soldier), James Rhodes-War Machine (visto più volte al fianco di Iron Man) ed Erik Selvig, già visto nei film di Thor e in Avengers; il ritorno in scena di Nick Fury; i sentimenti che nascono tra Natasha Romanoff-Vedova Nera, traumatizzata dalle reminiscenze del suo passato, e Bruce Banner sempre alle prese con la minaccia rappresentata dal suo alter ego Hulk; le sequenze oniriche in cui appaiono anche Peggy Carter e Heimdall. E qui il cameo dell’ultranovantenne Stan Lee, nel ruolo di un veterano del D-Day, è quello con più battute mai visto sinora. Insomma, così tanti riferimenti interni, sviluppi e retroscena dei personaggi che la sceneggiatura si sente in dovere di giustificare l’assenza di Pepper Potts e Jane Foster.

quicsilverIn tutto questo emergono la personalità di Ultron, interpretato nell’edizione originale da James Spader, che per esprimersi attinge ai dati di cui dispone e mescola citazioni da Gesù Cristo, Friedrich Nietzsche e Tony Stark; e quella di un nuovo personaggio, l’androide Visione (Paul Bettany, già voce di Jarvis). Hanno il giusto spazio anche i gemelli Maximoff (gli attori Elizabeth Olson e Aaron Taylor-Johnson), su cui va spesa una parola in più. Scarlet Witch e Quicksilver erano inizialmente nei fumetti due mutanti asserviti alla causa di Magneto nelle storie degli X-Men, che poi hanno deciso di unirsi ai Vendicatori. Qui sono due ragazzi rimasti orfani durante la guerra civile in Sokovia, offertisi come cavie volontarie per gli esperimenti di Strucker. Poiché al cinema X-Men è una saga autonoma della 20th Century Fox, senza interazioni con le altre serie Marvel, esistono un Pietro Maximoff nell’universo cinematografico Avengers e un Peter Maximoff (Evan Peters), mutante, nel recente X-Men – Giorni di un futuro passato. A dire il vero la resa dei movimenti ad alta velocità di Quicksilver (visti al rallentatore) nelle scene anni Settanta di X-Men ha soluzioni visive più brillanti, ma in questo caso non era legittimo essere ripetitivi.

captain america 0Come sottolinea Thor, non dev’essere un caso se in questi ultimi tempi sono apparse quattro Pietre dell’Infinito: il Tesseract (Captain America – The First Avenger e Avengers) ora custodito ad Asgard, l’Aether (The Dark World) affidato al Collezionista, così come la Pietra recuperata dai Guardiani della Galassia e infine la Gemma della Mente scoperta nello scettro di Loki in questo film. No, non è affatto un caso. È la Fase Tre di questo ciclo narrativo, che vedrà negli anni a venire nuovi film individuali (Ant-Man, Doctor Strange e Captain Marvel), una resa dei conti ad Asgard per Thor (Ragnarok, ovvero l’apocalisse della mitologia nordica), una vicenda epocale per Capitan America (Civil War, dalla recente saga che ha scosso tutti i personaggi della Marvel), il ritorno dei Guardiani della Galassia e ben due nuovi film degli Avengers, Infinity Wars parte I e II. Il malefico Thanos già pregusta la battaglia.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica con cadenza periodica e non è da considerarsi
un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici, per saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi, clicca sul link Maggiori info. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll, chiudendo questo banner o cliccando sul pulsante "Accetta", invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information